.
Annunci online

Benvenuto nel sito ufficiale delle
Primarie dei Giovani Democratici.
Iscriviti alla community e
partecipa anche tu!
manifesto
archivio

candidati
Fausto Raciti
24 anni
scheda completa

agenda
regione
Salva l'Italia. I Giovani in piazza il 25 Ottobre

Il testo dell'appello ed i primi 100 firmatari

In poche ore, dopo l’intervento del presidente del Consiglio che ha proposto di mandare la polizia nelle università contro le occupazioni, c'è stata una grandissima adesione di studenti, ricercatori, assistenti e professori
al manifesto-appello “Salva l’Italia: i giovani in piazza il 25 ottobre” che abbiamo lanciato oggi pomeriggio. Una reazione forte, commenta la prima firmataria Pina Picierno, minsitro ombra delle Politiche Giovanili "che testimonia l’
indignazione provocata dalle parole del presidente del Consiglio che ha paragonato insegnanti, bambini, madri e intere famiglie a pericolosi sovversivi, contro cui impiegare la forza pubblica".

Pubblichiamo il testo integrale dell'appello e le prime firme:
I GIOVANI IN PIAZZA IL 25 OTTOBRE

Salva l’Italia. Perché? Perché siamo giovani, il futuro di questo Paese è soprattutto il nostro e questo è senza dubbio il governo che ha manifestato la maggiore ostilità nei confronti delle ragazze e dei ragazzi. Non avremmo mai pensato in pochi mesi di veder peggiorare giorno dopo giorno le nostre condizioni di vita e le nostre aspettative così in fretta.
Ci fa paura pensare che il motivo sia uno solo, e semplice: far cassa pregiudicando il futuro di chi tra 20 anni sarà al centro della vita italiana.
Siamo convinti invece che affrontare e risolvere i problemi che ci riguardano, confrontarsi con noi che ogni giorno li viviamo sulla nostra pelle, significa finalmente gettare via le incrostazioni che impediscono al nostro Paese di crescere. È un elenco lungo e sono tutte priorità allo stesso modo. I diritti di un ragazzo come quello ad un lavoro stabile all’altezza del proprio talento, a una casa e non a una stanza di pochi metri quadri in periferia, magari affittata in nero e le priorità di una generazione: dal diritto allo studio, a quello ad uno sviluppo sostenibile, passando per il diritto alla legalità, perché non vogliamo più vedere le nostre terre violentate dalla criminalità.
Per tutte queste ragioni saremo in piazza il 25 ottobre, insieme al Partito Democratico.


PER SALVARE LA SCUOLA
Un Paese cresce se ha un buon sistema formativo: una scuola pubblica di qualità è l’unica leva per sbloccare l’ascensore sociale garantendo le pari opportunità, come sancito dalla nostra Costituzione.
Il Governo invece ha deciso, da solo, una ricetta fatta da un mix di tagli irrazionali, annunci mediatici e un’idea di scuola retrò. La destra giudica il sistema formativo dai grembiuli e dai voti in condotta, guarda all’ istruzione e alla conoscenza come una spesa e non come un investimento.
Il Ministro Gelmini e il Ministro Tremonti pensano ad una scuola che deresponsabilizza gli studenti, umilia i docenti, lascia al degrado gli edifici scolastici, peggiora la didattica e manda i ragazzi a lavorare il prima possibile, senza la preparazione necessaria.

La scuola si salverà solo se sarà inclusiva, se tra i banchi siederanno ragazzi messi nelle stesse condizioni di partenza, valutati solo per i propri meriti.
Per questo vogliamo una scuola più qualificata, più efficiente, più moderna con al centro gli studenti e il loro futuro.
Per questo gli studenti e le studentesse, gli insegnanti, che in queste settimane si stanno mobilitando, devono essere in piazza il 25 Ottobre.

PER SALVARE L’UNIVERSITA’, PER SALVARE LA RICERCA
L’università è stata mortificata. Limitando le assunzioni del personale a tempo indeterminato al 20% dei pensionamenti, tagliando al Fondo di Finanziamento per le spese di funzionamento 1 miliardo e 441,5 milioni in 5 anni, dando la possibilità per gli Atenei di trasformarsi in Fondazioni di diritto privato. Sono tutti provvedimenti che scardinano il carattere pubblico e la centralità degli Atenei.
Con quali conseguenze? L’aumento delle tasse è incontrollabile, didattica e ricerca si trovano vincolate ai finanziatori privati, si estende a macchia d'olio il numero chiuso. Fuggiranno altri cervelli e rimarrà in piedi un sistema universitario per pochi privilegiati.

L’esatto contrario di quello che servirebbe, perché la conoscenza è la bussola più utile e necessaria per orientarsi nel nostro tempo.
Per questo gli studenti universitari, i ricercatori e il personale dell’università, che già si sono mobilitati in queste settimane devono essere in piazza il 25 Ottobre.

PER SALVARE IL TALENTO

Nepotismo, caste, interessi particolari. Sono i killer di intere generazioni di talenti e vanno fermati. I nostri talenti diverranno una risorsa per l’Italia se incoraggerete merito e pari opportunità. Senza il coraggio di un’inversione di rotta talento resterà una parola vuota, schiacciata dagli atti del governo. Le norme antiprecari, la deregolamentazione dei contratti a termine, la reintroduzione delle dimissioni in bianco, non sono misure che renderanno più facile l’incontro tra domanda e offerta nel mercato del lavoro ma colpi d’accetta alle nostre aspirazioni, alla nostra voglia di contribuire alla crescita del Paese.
La lotta alla precarietà è indispensabile per darci prospettive di vita dignitosa.

Vogliamo estendere a tutti i lavoratori le tutele fondamentali, secondo i principi della Carta dei diritti. Sappiamo che non è possibile pensare solo a garantire stabilità ai singoli posti di lavoro, ma si deve invece garantire continuità all’occupazione, facendo della formazione permanente un nuovo diritto di cittadinanza.
Non basterà: il governo deve impegnarsi per tutelare i redditi in caso di disoccupazione e per un sistema efficiente di servizi, di formazione e di occasioni per il reimpiego. Così nel resto d’Europa si sta affrontando il problema e solo ad un sistema di tutele complesso e flessibile possiamo ispirarci per permetterci di avere le stesse opportunità dei nostri coetanei europei.

Per questo le giovani lavoratrici e giovani lavoratori sono chiamati a difendere il proprio futuro scendendo in piazza il 25 Ottobre.

PER BATTERE IL RAZZISMO, PER UNA NUOVA CITTADINANZA
Girando per strada, nei locali, sul bus che ogni giorno ci porta a scuola o al lavoro, respiriamo un clima crescente di paura, di chiusura verso gli “altri”, di insicurezza diffusa, di intolleranza. È un clima che la cronaca conferma puntualmente con terribili aggressioni, storie di violenza e di razzismo. Ma le risposte del Governo come sono? Vaghe e timide.
Dobbiamo mettere in campo proposte che parlino di inclusione, fondate sul rispetto della legalità da parte di chi arriva nel nostro Paese e dall’impegno a un’integrazione non solo di facciata da parte nostra.
In Italia vivono oltre un milione di ragazze e ragazzi che i giornali chiamano “le seconde generazioni”. Sono i figli e le figlie di immigrati. Nati in Italia non sono cittadini italiani, oggi sono ancora seduti sui banchi di scuola accanto a noi, ma un domani non potranno votare né farsi eleggere in Parlamento. Pensare alle loro esigenze e dar loro rappresentanza significa creare un paese interculturale, che affianca ai doveri la certezza del diritto.

Per una società interculturale che combatta il razzismo giorno dopo giorno, cominciando a dare cittadinanza ai minori stranieri e alle seconde generazioni, bisogna essere in piazza il 25 Ottobre.

PER SCONFIGGERE TUTTE LE MAFIE
Non vogliamo vivere nella paura e nell’oppressione delle organizzazioni criminali, che umiliano il nostro Paese e lo avvelenano giorno dopo giorno.
La società e la politica devono essere bonificati dall’influenza della criminalità organizzata, dobbiamo distruggere la camorra, la mafia, la ’ndrangheta combattendo quella che è una vera e propria guerra di liberazione da portare avanti tutti insieme. Non basta dire di stare dalla parte di chi denuncia questo cancro, dobbiamo scendere in piazza ogni giorno accanto ai nostri coetanei e alle persone più grandi che hanno scelto di urlare forte che le mafie stanno uccidendo tutto il Paese, che hanno indicato come lo stanno facendo, con nomi e cognomi. E non basterà: se in Parlamento, nei tribunali, in ogni Comune saremo dalla loro parte la criminalità organizzata riceverà un colpo mortale. Giorno dopo giorno riusciremo a demolirla.

Per questo le ragazze e i ragazzi del Mezzogiorno, hanno un motivo in più per scendere in piazza il 25 Ottobre.


PRIMI FIRMATARI APPELLO GIOVANI PER IL 25 OTTOBRE:

1. Pina Picierno (Ministro Ombra Politiche Giovanili)
2. Carmine Lombardi (Forum Giovani Basilicata)
3. Fausto Raciti (Candidato Segretario Nazionale GD)
4. Daniele Diana (Ricercatore London School of Economics)
5. Francesco Buonomano (Studente Erasmus)
6. Vincenzo Serao (Ingegnere)
7. Luigi Guadalupi (Ricercatore CNR)
8. Dario Marini (Candidato Segretario Nazionale GD)
9. Gaia Righetto (Rappresentante Liceo Classico “Canova” di Treviso)
10. Luca Condotta (Studente Istituto Tecnico “Plank” di Treviso)
11. Lucia Arrigoni (Studentessa scuola di montagna “Tiziano” di Belluno)
12. Fabio Sirsi (Senatore Accademico Università di Bari)
13. Michele Corleto (Forum Giovani Campania)
14. Vitandrea Mazzano (Ricercatore Università di Bari)
15. Salvatore Bruno (Candidato Segretario Nazionale GD)
16. Antonio Giampietro(Ricercatore Università di Bari)
17.
18. Miriam Zaggia (Rappresentante Liceo Scientifico “Quadri”di Vicenza)
19. Francesco Spano (Dottorando di Ricerca Scuola Superiore Sant’Anna)
20. Fabio Bellopede (Collegio Europa Parma)
21. Roberto Tetroccia (Dottorando di Ricerca)
22. Gianfranco Morrone (Rappresentante Studenti Lazio Adisu)
23. Diego Pirozzolo (Assegnista di Ricerca)
24. Antonio Mollo (Dottorando di Ricerca)
25. Marco Picerro (Fotografo)
26. Valentina Crucci (Dottoranda di Ricerca)
27. Mattia De Virgiliis (Studente Istituto d’Arte di Deruta –PG)
28. Luca Bastianelli (Studente Liceo Artistico di Perugia)
29. Benedetta Rosi (Rappresentante Liceo Classico di Perugia)
30. Alberto Vallarin (Presidente Consulta Provinciale degli Studenti di Verona)
31. Alessandro Cozza (Volontario ONLUS)
32. Francesca Carcano (Praticante Avvocato)
33. Francesco Scoppola (Dottorando di ricerca)
34. Augusto Majello (Ricercatore Università di Salerno)
35. Francesco Brizzi (Ricercatore Università "Federico II" di Napoli)
36. Giovanna Corleto (Dottoranda di Ricerca Università "L'Orientale" di Napoli)
37. Marco Di Pietro (Imprenditore)
38. Emilio Di Marzio (Consigliere Comunale di Napoli)
39. Livio Falcone (Vicepresidente IX Municipalità di Napoli)
40. Guido Lenza (Associazione Giovani Avvocati Salerno)
41. Giuseppe Precchia (Acli Campania)
42. Angela Iavarone (Avvocato di Benevento)
43. Mattia Siciliano (Ingegnere)
44. Valerio Pieroni (Avvocato)
45. Consuelo Battistelli (Consulente per le tecnologie di accessibilità)
46. Ilenia Polsinelli (Funzionaria Pubblica Amministrazione)
47. Valerio Del Popolo (Avvocato)
48. Simone Di Clemente (Ingegnere)
49. Luciano Brugnoni (Ingegnere)
50. Laura Tranfaglia (Esperto di Comunicazione)
51. Marco Scordo (Esperto di Comunicazione)
52. Beatrice Iliacci (Studentessa Liceo Scienze Sociali di Perugia)
53. Daniela Mopurgo (Studentessa Liceo Scientifico di Perugia)
54. Vincenzo Tanania (Consigliere Comunale Palermo)
55. Pasquale Dipollina (Consigliere d’Amministrazione Università di Palermo)
56. Paolo D’Agostino (Consigliere d’Amministrazione Università di Parma)
57. Alessio Branciamore (Senatore Accademico Università di Firenze)
58. Giacomo Chiodini (ADISU Perugia)
59. Claudio Costantino (Consigliere CUN)
60. Chiara Zampieri (Senatrice Accademica Università di Padova)
61. Alessandro Purificato (Lavoratore Ministero dei Beni Culturali)
62. Riccardo Saccone (RSU call center WIND)
63. Fabrizio Micarelli (RSU Tim)
64. Cristina Corona (RSU H3G)
65. Matteo Mereu (Consigliere CNSU)
66. Rossella Iraci Capuccinello (Dottoranda di Ricerca Lancaster University)
67. Antonio Chianese (Consigliere d’Amministrazione Università “Federico II” di Napoli)
68. Angelo Elle (Cantautore, Fonico, Arrangiatore)
69. Massimo Cervini (Musicista)
70. Nicola Tarpani (Musicista)
71. Pierluigi Siciliani (Cantautore, Scrittore, Giornalista)
72. David Aberrà (Musicista)
73. Laurence Cocchiara (Musicista)
74. Gerardo Greco (Musicista)
75. Leonardo Pastore (Consigliere d’Amministrazione Università di Modena- Reggio Emilia)
76. Michele Bonetti (Avvocato)
77. Vincenzo Acconcia (Precario Università di Urbino)
78. Giorgio Zippo (Consigliere d’Amministrazione Università di Modena- Reggio Emilia)
79. Domenico Agnello (Dottorando di Ricerca Università di Palermo)
80. Andrea Tropea (Delegato Sindacale Cooperativa Capodarco)
81. Luca Landro (Studente Istituto Tecnico Geometri Lentini-SR)
82. Ciro Crisci (Rappresentante Liceo Scientifico Lentini- SR)
83. Alessandro Paluzzi (Ama Roma)
84. Donatella Poliandri (Ricercatrice)
85. Mauro Brivio (Presidente del Consiglio degli Studenti e Consiglio di Amministrazione, Politecnico di Milano)
86. Emanuele Crespi (Senatore Accademico Università di Milano)
87. Luca de Vecchi (Consiglio Accademico Università Bocconi di Milano)
88. Nicola Francesco Dotti (Dottorando di Ricerca Politecnico di Milano)
89. Carlo Pretara (Circolo Interuniversitario Milanese)
90. Vittorio Saguatti (Senatore Università Modena e Reggio Emilia)
91. Celeste Brancato ( Attrice Teatrale)
92. Manuela Tiberi (Attrice Teatrale)
93. Alessio Di Martino ( Scrittore)
94. Leone Antenone (Scrittore)
95. Luca Panzarella (Scrittore)
96. Raffaele Seglia (Studente Volontario Servizio Civile)
97. Chiara Bologna (Ricercatrice Università di Bologna)
98. Chiara Salsini (Ricercatrice Università di Bologna)
99. Monica Gregori (Operatore tecnico assistenziale)
100. Francesca Delle Vergini (Consulente Legale)
101. Laura Fornaro (Amministratrice)
102. Kety Pizzata (Assessore a San Luca- RC)
103. Verusca Bonvini (Sindaco di Bertonico- Lodi)
104. Antonio Iannamorelli (Amministratore)
105. Corinna Pugi (Studentessa Liceo “Gramsci” Firenze)
106. Mila Shamku (Studentessa Liceo “Bodoni” Saluzzo-CN)

  Giovane e Democratico? Vai alla community   

Sfoglia        novembre
archivio




Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

footer